-A A +A

Comunicati stampa

Sabato, 1 Giugno, 2019

Il Presidente EAV De Gregorio scrive al Ministro Toninelli: dal primo Luglio rischiano di restare a piedi trentamila pendolari di EAV su Cumana e Circumvesuviana.


Ho scritto al Ministro Toninelli, di cui è nota la sensibilità verso le problematiche dei pendolari, di intervenire immediatamente. La regione Campania corre il rischio di veder crescere dal prossimo primo Luglio il numero di pendolari che useranno la gomma (auto, moto o bus) al posto del ferro (cumana e circumvesuviana) se non si interviene immediatamente con un provvedimento legislativo che rinvii il passaggio di competenze da Ministero ad ANSF delle linee regionali EAV previsto a partire dal primo Luglio 2019 (vedi note allegate).
Temiamo infatti che tale passaggio imporrà sulle nostre linee un limite di velocità a 50 all’ora (dagli attuali 70/90), il che determinerebbe un taglio delle nostre corse di circa un terzo. Per andare da Napoli a Sorrento, ad esempio, si passerebbe da 1,08 minuti a 1,40 minuti circa. Le nostre linee trasportano oltre 100 mila pendolari al giorno. Purtroppo il taglio delle corse stimiamo porterebbe ad una riduzione di passeggeri di circa il 30 per cento, con la conseguenza di avere in auto private o su bus circa 30-40 mila pendolari in più ogni giorno. Tutto ciò aumenterebbe il rischio di incidenti in valore assoluto. Difatti è noto che il rischio nel trasporto su gomma è molto più elevato che su quello su ferro.
Gli incidenti ferroviari gravi (reti locali + rete RFI) occorsi in Italia nel periodo 2004-2014 sono stati 1.446, con 84 morti e 276 feriti; gli incidenti stradali mortali nello stesso periodo sono stati 52.845, con 57.313 morti e 3.700.968 feriti.
Sulle strade si registra ogni anno una carneficina: 5.000 morti all’anno (media anni 2004-2014) contro 7-8 morti all’anno sulle ferrovie. Il rischio di incidenti sulle strade, rapportato al numero degli utenti, è cento volte superiore a quello su ferro. Spostare 30 mila persone al giorno su strade ingolfate è una scelta che porterà a più morti e feriti in valore assoluto.
Le nostre ferrovie (quest’anno compiono 130 anni di storia) sono certamente da ammodernare in termini tecnologici. Ma la sicurezza delle linee è dimostrata dalle statistiche degli incidenti che hanno causato morti o feriti gravi: si contano sulle punte di un dito negli ultimi vent’anni, pur avendo trasportato oltre un miliardo di persone. Le statistiche ci confortano che il rischio è quello medio delle ferrovie italiane, tra le più sicure al mondo.
EAV appena tre anni fa era sull’orlo del fallimento. Oggi ha risanato il bilancio, produce utili, ha programmato assunzioni, investimenti in infrastrutture ed in materiale rotabile. Gli investimenti sulla sicurezza necessari per essere rispettosi della normativa ANSF sono già programmati e verranno realizzati nel corso dei prossimi tre anni. Abbiamo chiesto al Ministro Toninelli di valutare una proroga congrua del passaggio di competenza dal Ministero ad ANSF o adeguate norme transitorie che non penalizzino i nostri pendolari e non mettano a serio rischio anche il nostro progetto complessivo di sviluppo. Le norme ANSF rischiano infatti di causare un impatto traumatico per EAV che porterebbe, oltre alla riduzione dei passeggeri, ad un taglio dei ricavi da traffico, a problemi nella circolazione del materiale rotabile, ad inficiare l’equilibrio di bilancio e la possibilità di assumere le 350 persone già previste per fine 2019.
Le nostre linee sono sicure il 30 giugno e possono ancora esserlo il primo luglio.
Quanto rappresentato per EAV vale per la gran parte delle ferrovie isolate italiane, presenti soprattutto nel Mezzogiorno d’Italia. L’obbligo di dotarsi dei sistemi di sicurezza previsti da ANSF è scattato a fine 2017. Se in Italia per realizzare un’opera pubblica sono necessari mediamente 17 anni (secondo statistiche sole 24 ore) per noi era impossibile realizzare gli investimenti richiesti in soli 17 mesi. Abbiamo la volontà di realizzarli, tutto è già programmato. Consentiteci di realizzarli senza mettere a rischio la nostra esistenza e senza penalizzare i nostri utenti. Siamo fiduciosi che prevalga il buon senso e che il Ministro accolga la nostra richiesta, che è quella di ASSTRA (associazione di categoria aziende TPL) già inoltrata e illustrata in incontri presso le commissioni parlamentari e da ultimo ieri a Roma in sede di conferenza Stato Regioni.

Allegato:
Lunedì, 27 Maggio, 2019

27 maggio 2019 – Comunicato congiunto di EAV S.r.l., FNM S.p.A. – 5 treni nuovi per Piedimonte Matese

In data odierna EAV S.r.l., FNM S.p.A. e Stadler hanno sottoscritto l’Accordo per la fornitura di 5 treni diesel-elettrici per il servizio ferroviario regionale sulla linea Piedimonte Matese – Napoli.

Si tratta di convogli bidirezionali, a composizione bloccata, a trazione diesel-elettrica prodotti dalla Stadler che misurano 66,80 metri di lunghezza, con 3 carrozze passeggeri e 168 posti a sedere, velocità massima di 140 km/h.

I treni fanno parte di una commessa di FNM/Regione Lombardia, alla quale si è agganciata EAV/Regione Campania , che prevede la fornitura di 50 treni, progettati con soluzioni innovative che soddisfano standard elevati sia di sostenibilità ambientale che di sicurezza.

L’accordo si inquadra nella ricerca, a livello nazionale, delle necessarie sinergie tese all’ottenimento dei migliori standard qualitativi con la riduzione dei costi derivante dalle economie di scala. In questo modo, infatti, si bruciano i tempi della gara, e si prevede la consegna dei treni entro 36 mesi.

In questo ambito Eav ha sottoscritto un accordo con FNM e Sadler, per la cessione di un contratto applicativo avente ad oggetto la fornitura di n. 5 (cinque) convogli ferroviari a trazione diesel-elettrica in possesso delle necessarie autorizzazioni per la circolazione sia sulla rete RFI e sulla rete sociale di EAV (per un importo complessivo pari ad Euro 35  milioni oltre IVA comprensivo di manutenzione programmata).

La propulsione del treno è garantita da due motori diesel di ultima generazione a basse emissioni (stage V con catalizzatore SCR) che alimentano due set di batterie. Ciò permetterà ai nuovi treni di viaggiare a emissioni ridotte lungo i tracciati suburbani e a emissioni zero nelle stazioni. La trazione elettrica fornirà anche potenza supplementare in fase di accelerazione.

Tra le altre dotazioni tecnologiche da segnalare: illuminazione LED, Wi-Fi, prese 220V e USB, sistema di informazione a passeggeri, telecamere per la videosorveglianza e un sistema di assistenza luminosa che segnala apertura e chiusura delle porte.  L’accessibilità per le persone a mobilità ridotta è resa agevole dalla presenza di pedane scorrevoli che compensano la distanza tra porta e banchina. Presenti anche postazioni per le biciclette.

Dichiarazioni vertici EAV e FNM

“Si tratta di un segnale importante alla ricerca di collaborazione tra le aziende ferroviarie che porti alla riduzione di tempi e costi nell’interesse della collettività, un primo esperimento a livello nazionale, cui potranno seguire altre iniziative analoghe per contrastare i tempi della burocrazia”, dichiara il Presidente di EAV Umberto De Gregorio

“Questa operazione – sottolinea il presidente di FNM Andrea Gibelli - rafforza il ruolo strategico di FNM come Rolling Stock Company e contribuisce a rendere più salda la cooperazione tra aziende del trasporto pubblico locale a vantaggio di tutto il sistema. La scelta di EAV di collaborare con noi è anche una conferma di quanto il rapporto qualità prezzo dei treni acquistati da FNM sia conveniente.  Le caratteristiche particolarmente innovative da un punto di vista tecnologico e di sostenibilità di questi convogli diesel-elettrici assicureranno standard qualitativi e performance tra i migliori in Europa”.

 

Allegato:
Martedì, 14 Maggio, 2019
Le Società di Trasporto Pubblico Locale, in Campania ma non solo, tra i vari problemi che sono impegnate a risolvere quotidianamente, hanno quella della lotta all’evasione tariffaria, che sottrae, alle casse societarie, milioni di Euro, che poi mancano per gli investimenti, per l’acquisto di nuovi autobus e quant’altro serve in termini di efficienza.
La situazione in Eav è in linea con quanto avviene in Regione.
Nel settore autolinee, per le caratteristiche intrinseche del trasporto, i tassi risultano molto condizionati dal contesto socio-culturale.
Al fine di poter utilizzare ulteriori strumenti, Eav ha deciso, tra le prime in Italia, di sperimentare, sugli autobus, i cosiddetti “Tornelli di bordo”, installati all’altezza dell’obliteratrice/validatrice collocata subito dopo il posto di guida.
L’installazione è stata effettuata sotto il controllo della MCTC, a garanzia della sicurezza dei viaggiatori.
I viaggiatori dovranno semplicemente vidimare il proprio biglietto: il sistema prevede l’apertura del varco, che se forzato, aziona un dispositivo ottico/acustico nella postazione del conducente.
Trattandosi di sperimentazione, in una prima fase sono stati equipaggiati solo 6 autobus.
Gli stessi, al fine di poter misurare l’efficacia entro pochi mesi, saranno utilizzati su un unico tipologia di servizio urbano.
Si è individuato il servizio effettuato a Castellammare di Stabia come servizio dove effettuare la sperimentazione, trattandosi di un servizio a sé stante ed effettuato con un numero ridotto di autobus: non vuole essere certo un motivo di recriminazione nei confronti dei cittadini stabiesi, il cui “comportamento” circa il pagamento del biglietto è del tutto in linea con quanto si presenta nei principali comuni serviti.
Con l’occasione, Eav ringrazia la Direzione della MCTC che ha consentito l’installazione degli apparati, pur trattandosi di novità senza precedenti nell’area metropolitana.
Allegato:
Venerdì, 3 Maggio, 2019

Domenica 5 maggio Retake Napoli, con il sostegno di EAV, organizza una giornata speciale dedicata alla stazione di Piave della linea Circumflegrea ed all’area circostante. Retake Napoli è un movimento spontaneo di cittadini volontari, no-profit e apartitico, che ha l’obiettivo di riqualificare aree degradate, di diffondere il senso civico sul territorio e di contribuire a creare il senso di comunità tra i cittadini.

Questo il comunicato dell’iniziativa:

Questa Domenica tutti in stazione! 
Ci vediamo nella stazione Piave della linea Circumflegrea, in via Giustiniano, un vero posto del cuore, poiché qui i nostri rastrelli, le nostre scope ed i nostri pennelli hanno trovato una preziosa casa.
Impariamo a difendere il nostro territorio, a valorizzarlo e quindi a non vandalizzarlo!
Ci dedicheremo alla cura del verde, alla rimozione dei rifiuti e delle scritte vandaliche, ma soprattutto vedremo artisti all'opera per realizzare un piccolo capolavoro di street art.
Insieme si può! 

Allegato:
Mercoledì, 24 Aprile, 2019
 
La stazione di Cuma all’interno della foresta demaniale tenuta a cura della Regione ha subito ancora una volta un atto vandalico da parte dì ignoti.
Hanno rotto vetri ed hanno divelto 4 porte blindate dal muro. 
Si mette seriamente a rischio la partenza del Cuma Express prevista a partire dal primo Giugno. 
Un luogo meraviglioso preda del nichilismo dominante. L’anno scorso fu una grande festa. Ma non ci fermeremo neanche questa volta.
     
Allegato:
Domenica, 7 Aprile, 2019

Anche quest’anno riprende l’attività della Funivia del Monte Faito che in uno spettacolare scenario, tra montagna e mare, raggiunge i Monti Lattari per una esperienza indimenticabile.

Domenica 7 aprile alle ore 10.00 la prima corsa che inaugurerà la stagione 2019. Il programma iniziale prevede 18 coppie di corse giornaliere, a partire dalle 10,00 e fino alle 17,00, che diventeranno 32 (64 corse al giorno) nei mesi di luglio, agosto e settembre, quando la funivia funzionerà dalle 8.20 alle 20,10 di sera, lungo un percorso dal panorama mozzafiato.

Dopo i lavori di adeguamento strutturale che hanno interessato la funivia negli ultimi due anni, questo 2019 si apre all’insegna del restyling delle due vetture, con le nuove livree e l’adozione del nuovo logo che caratterizzerà la funivia.

Il logo ed il progetto grafico delle “panarelle”, è frutto di una collaborazione con l’Università Vanvitelli di Aversa ed è stato realizzato dalla neo-dottoressa Ilaria Balzano che, partendo dalla principale caratteristica della Funivia, ovvero il collegamento tra mare e montagna, ha ideato la nuova immagine con il verde e l’azzurro di questi due elementi. Il nuovo logo ha una forma triangolare con il lato inferiore azzurro a rappresentare il mare, un altro lato verde che indica la montagna, ed una terza linea rossa, che collega le prime due, sulla quale corrono due pallini a simboleggiare le due vetture. 

Anche i colori scelti per le livree richiamano la stessa idea, con una cabina azzurra e l’altra verde.

 

Per conoscere gli orari e le tariffe consultare la sezione dedicata su eavsrl.it QUI

Allegato:
Giovedì, 21 Marzo, 2019

Ancora oggi pesanti disagi alla circolazione sulle linee vesuviane. Propongo un atto di responsabilità da parte dei lavoratori e della direzione aziendale. Non penalizziamo ulteriormente gli  utenti.   Abbiamo riconvocato un tavolo per domani alle 14 con le organizzazioni sindacali per trovare una soluzione condivisa, che appare possibile. Ragionevolezza e responsabilità da parte di tutti nell’interesse degli utenti. L’azienda auspica la contestuale cessazione della protesta per consentire un sereno al confronto al tavolo

Allegato:
Lunedì, 18 Marzo, 2019

Martedì 19 p.v. termineranno le prove pre-selettive, che si stanno svolgendo presso il Belvedere di San Leucio alla Via Vaccheria, 13, Caserta.

Da mercoledì 20 p.v., con prosieguo nei successivi giorni del 21 e 22, presso lo stesso sito, si procederà alla correzione degli elaborati, a cura della Quanta S.p.A., società affidataria a seguito di gara ad evidenza pubblica e del servizio di ricerca e selezione di personale.

A presenziare le operazioni sono state invitate tutte le associazioni di consumatori, come segnale di trasparenza anche in considerazione del riconosciuto loro ruolo in favore della tutela di utenti e consumatori.

Il comunicato di Eav con indicate le modalità di svolgimento delle operazioni di correzione

Allegato:
Lunedì, 18 Marzo, 2019

Martedì 19 p.v. termineranno le prove pre-selettive, che si stanno svolgendo presso il Belvedere di San Leucio alla Via Vaccheria, 13, Caserta.

Da mercoledì 20 p.v., con prosieguo nei successivi giorni del 21 e 22, presso lo stesso sito, si procederà alla correzione degli elaborati, a cura della Quanta S.p.A., società affidataria a seguito di gara ad evidenza pubblica e del servizio di ricerca e selezione di personale.

A presenziare le operazioni sono state invitate tutte le associazioni di consumatori, come segnale di trasparenza anche in considerazione del riconosciuto loro ruolo in favore della tutela di utenti e consumatori.

Il comunicato di Eav con indicate le modalità di svolgimento delle operazioni di correzione

Allegato:
Lunedì, 11 Marzo, 2019

Al fine di dare maggiore impulso alle attività di security già in essere, si è resa necessaria l’attuazione di una serie di interventi con il preciso scopo di incrementare la percezione di “prossimità” dell’Azienda al cittadino, attraverso maggiore visibilità delle risorse messe in campo, un coinvolgimento costante degli Organi istituzionali ed una migliore ed efficace comunicazione.

Pertanto dal 15 marzo al 15 settembre 2019 saranno attuati servizi speciali di prevenzione programmati settimanalmente con interventi mirati a contrastare quei fenomeni di microcriminalità frequenti nelle stazioni ed a bordo dei treni più a rischio.

La programmazione settimanale dei servizi interesserà località e fasce orarie sempre diverse tra quelle individuate dall’Analisi del Rischio, consentendo di estendere gli interventi al maggior numero possibile di stazioni in considerazione dell’impossibilità della copertura totale e contestuale di tutti gli impianti, garantendo nel contempo anche l’effetto sorpresa.

Si utilizzeranno per l’esigenza GPG armate coordinate dal personale della Security – Protezione Aziendale e Analisi del Rischio.

Per l’espletamento di tali servizi di vigilanza armata extra, occorreranno in media 42 ore di prestazione giornaliera.

Si provvederà al contempo ad un potenziamento della comunicazione all’utenza mediante l’attivazione di un servizio annunci nelle stazioni, che informi in maniera costante e continua, della presenza di sistemi di videosorveglianza, dei servizi di vigilanza armata e dei numeri di pubblica utilità da contattare in caso di necessità.

Il monitoraggio continuo dei sistemi di videosorveglianza, sarà garantito da parte della Centrale Operativa della  Sicurezza – CNS, la quale ha il preciso compito di tenere sotto costante ed attenta osservazione gli impianti di videocontrollo installati presso le stazioni, e rispondere ad ogni richiesta/chiamata per emergenza proveniente dai citofoni installati nella stazioni o a bordo dei treni, e/o attivazione di pulsanti di emergenza, in modo da permettere agli operatori, in qualsiasi momento e situazione, di essere allertati sullo specifico episodio, di verificarne la natura, l’entità e la gravità e discernere se questo possa determinare un pericolo per l’intero scenario, tale da richiedere l’attivazione di un’azione di contrasto coinvolgendo le FF.OO.

 

 

 

Allegato:

Pagine

 

EAV

Ente Autonomo Volturno S.R.L

SOCIO UNICO REGIONE CAMPANIA

Corso Garibaldi, 387
80142 Napoli ITALY

C.C.I.A.A. Napoli n. 4980 

C.F. e P. IVA 00292210630

Capitale sociale € 50.000.000,00